Depurazione piscina: quali sono i principali sistemi di filtrazione per piscina

Il sistema di depurazione della piscina deve essere un sistema essenziale per chi possiede una piscina.

Possedere una piscina comporta l’impiego di diversi strumenti e azioni per il mantenimento per mantenerla bella e poco rovinata nel corso del tempo. Essere proprietari di una piscina, infatti, richiede parecchio tempo e attenzioni di vario genere, ma ripaga di tutti i sacrifici fatti grazie alla bellezza estetica che apporta alla casa e alle gradevoli giornate di sole in compagnia a bordo vasca.

Tra le operazioni più importanti che riguardano la manutenzione vi è sicuramente la filtrazione dell’acqua, la quale presenta il compito principale di mantenere l’acqua contenuta all’interno della vasca purificata e limpida.

In questo articolo parleremo delle caratteristiche principali dei vari sistemi di filtrazione presenti in commercio, elencando i vari parametri da tenere in considerazione per la scelta e le principali caratteristiche di ogni singolo sistema.

La pulizia della piscina è importantissima sopratutto ci ha diverse piante da giardino attorno ad essa, perché le foglie vanno a sporcare l’acqua.

Depurazione piscina: i parametri da tenere in considerazione per la scelta

Prima di scegliere il metodo di filtrazione pi adeguato alle tue esigenze, bisogna tenere in considerazione alcuni parametri che possono influire notevolmente sulla scelta del futuro sistema da impiegare per la propria piscina. Tra i parametri da tenere in considerazione per l’acquisto del sistema di filtrazione troviamo:

  • Grandezza della vasca: a seconda della grandezza della propria piscina bisognerà valutare un filtro in grado di purificare un determinato quantitativo d’acqua per ottenere buoni risultati.
  • Durata filtrazione: sempre a seconda della grandezza della propria piscina, bisogna tenere a mente le ore giornaliere di azione del filtro. In linea di massima, per ottenere una purificazione buona servono circa 4/5 ore. Per sapere con esattezza quale filtro serve per la tua piscina, dovrai semplicemente dividere i metri cubi della piscina con le ore di lavoro del filtro.

cosa prendere in considerazione nella depurazione della piscina

  • Caratteristiche della pompa: uno degli aspetti principali da valutare prima di procedere all’acquisto del sistema di filtrazione è proprio il tipo di pompa. Per avere una pulizia ottimale bisognerà scegliere una pompa egualmente potente al filtro, riuscendo a ripulire l’acqua presente nella vasca nel miglior modo possibile.

Prestando particolare attenzione a questi piccoli dettagli riuscirai ad acquistare il tuo nuovo sistema di filtrazione in completa serenità, con la certezza di avere una piscina sempre perfetta.

Come avviene la depurazione della piscina

Non tutti conoscono esattamente il processo che avviene all’interno del sistema di filtrazione per la depurazione piscina. L’azione principale che consente questa trasformazione è dovuta dal passaggio dell’acqua sporca della piscina attraverso il filtro contenuto all’interno del dispositivo, il quale è in grado di eliminare le impurità presenti all’interno del liquido.

A seconda del sistema di filtrazione a disposizione, l’acqua potrebbe subire processi da parte di sterilizzatori, compressori ed elettrolizzatori, in grado di eliminare le particelle d’impurità più piccole che il filtro iniziale non riesce a rimuovere.

Oltre all’azione del filtro e dei componenti purificanti, troviamo la pompa, la quale consente all’acqua della piscina di circolare nei tubi e di essere purificata. Come anticipato prima: maggiore è l’acqua contenuta all’interno della vasca e maggiore deve essere la potenza della pompa e del filtro presente.

Quali sono i dispositivi di depurazione piscina presenti in commercio?

Sicuramente ti starai chiedendo quali e quanti tipi di sistemi depurativi sono presenti in commercio e quali caratteristiche presentano. Non ti preoccupare, qui di seguito ti elencherò tre dei migliori sistemi di filtrazione presenti in vendita, elencandoti le caratteristiche principali e i vantaggi che ognuno apporta alle piscine.

Filtro a sabbia

Cercando su internet quali tipi di filtri esistono per le piscine, avrai notato sicuramente che quello a sabbia risulta essere il più popolare e il più amato dai clienti. Per quale motivo? Semplice, grazie all’elevata prestazione purificante della sabbia contenuta all’interno del dispositivo, questo sistema di filtrazione è in grado di purificare l’acqua dalle sostanze più piccole (particelle fino a 50 micron), utilizzando la tecnica del lavaggio controcorrente. Questo depuratore non richiede eccessive cure di manutenzione, bisognerà solo effettuare una pulizia costante dei filtri per garantire un’efficacia ottimale duratura nel tempo.

filtro a sabbia per la depurazione della piscina

L’installazione risulta essere leggermente più complessa rispetto agli altri sistemi di filtrazione, visto il collegamento diretto alla fognatura per gli scarichi, ma oltre a questo aspetto che potrebbe risultare negativo, il filtro a sabbia è sicuramente la migliore soluzione presente sul mercato per quanto riguarda il rapporto qualità-prezzo. All’interno del complesso può essere inserita sabbia comune, sabbia in vetro o zeolite, abbinate ad agenti chimici per consentire un maggiore filtraggio dell’acqua.
I vantaggi apportati delle singole sabbie sono:

  • Zeolite: di origine vulcanica e con un costo elevato rispetto alla sabbia comune. Riesce a garantire una filtrazione elevata offrendo risultati eccellenti come i dispositivi di filtrazione più costosi del mercato.
  • Sabbia comune: molto economica e facilmente reperibile. Riesce a filtrare particelle fino a 40 micron, offrendo un buon compromesso di purificazione dell’acqua.
  • Sabbia in vetro: facilita il lavaggio del filtro mantenendolo intatto nel tempo. Rispetto alla zeolite e alla sabbia comune permette di ottenere un filtraggio superiore. La sabbia in vetro è costituita da pezzi di vetro riciclati e trattati. Ultimamente sta prendendo sempre più piede tra i possessori di piscine.

Filtro a cartucce

Altro filtro particolarmente amato dai possessori di piscine è il filtro a cartuccia, un filtro in grado di eliminare particelle ancora più piccole di quelle che riesce il filtro in sabbia, fino ad arrivare a purificare quelle che arrivano a una grandezza di 20 micron. Nonostante la sua elevata potenza di filtraggio, questo dispositivo di filtrazione offre un consumo ridotto di acqua, offrendo prestazioni ottimali senza sprechi.

A differenza del filtro in sabbia, quello a cartuccia non presenta collegamenti diretti con la fognatura, ma richiede più tempo per la pulizia del filtro in poliestere. Le cartucce inserite all’interno del dispositivo possono essere realizzate con materiali diversi e con una durata variabile che, solitamente, viene riportata sulla confezione.

filtro a cartucce depurazione piscina

È consigliato di cambiare le apposite cartucce più volte per garantire prestazioni ottimali sempre senza rischiare di ricevere un’azione filtrante di bassa qualità.
Questo particolare dispositivo di depurazione viene impiegato molto spesso da chi possiede piscine piccole e di pochi metri cubici. Lavare le cartucce potrebbe richiedere parecchio tempo per poter ottenere un buon risultato. Per poter dimezzare i tempi di lavaggio ti consiglio di acquistare due cartucce e di intercambiarle mentre procedi a lavarne una.

Filtro a diatomee

Poco diffuso a causa dell’elevato prezzo di vendita che presenta. Presenta un’ottima purificazione delle particelle, riuscendo ad aspirare quelle fino a una dimensione di circa 3 micron, offrendo acqua pulita e limpida sempre.

filtro a diatomee

Pur garantendo risultati impeccabili, la manutenzione è veramente impegnativa e molto spesso il sistema di filtrazione sembra intasarsi facilmente.

Il filtro deve essere smontato e lavato minuziosamente per evitare problemi di funzionamento, impiegando maggiore tempo rispetto ad altri tipi di depuratori. L’azione purificante che caratterizza questo sistema di filtrazione avviene tramite una polvere bianca di alghe fossili (chiamate diatomee). Queste alghe consentono di eliminare le particelle più piccole e difficili da scomporre, vengono usate molto anche nella depurazione dei biolaghi.

Altri tipi di filtri

Esistono altre tipologie di filtri da impiegare nella propria piscina? Assolutamente sì, e sono molti di più di quanto credi. Proprio tra questi ci sono:

  • filtri a tasche
  • filtro a vetro
  • filtro a calza

Questi sono solo alcuni dei sistemi presenti per la depurazione della piscina, ognuna con i propri vantaggi e svantaggi.
Adesso che sai quali tipi di filtri sono presenti in vendita e quali vantaggi presentano ognuno di essi saprai verso quale modello orientarti per avere sempre una piscina limpida e cristallina libera da impurità.

Lascia un commento