Piante grasse resistenti al freddo: le 5 migliori piante grasse per l’inverno

Di piante grasse resistenti al freddo ne esistono svariati tipi, anche se l’inverno è il nemico principale delle nostre piante grasse

Eppure è noto che il freddo è il loro nemico principale, ecco perché diventa fondamentale avere delle piccole attenzioni che non devono scoraggiare in alcun modo chi le possiede.

Non sono certo tantissime le piante grasse in inverno fuori ma qualcuna è consigliabile in quanto riescono a mantenere il loro aspetto normale anche con le temperature più rigide come i fiori perenni o le piante perenni.

Ovviamente bisogna avere una grande cura nella preparazione di un terriccio idoneo che dovrà essere drenato correttamente e soprattutto leggero: questo è un elemento fondamentale per evitare qualsiasi tipo di ristagno.

Vale perciò la pena avere qualche indicazione per scegliere al meglio le piante grasse resistenti al freddo.

Come scegliere le piante grasse resistenti al freddo

Le piante grasse da esterno sono svariate e il ventaglio di scelta è davvero molto ampio. Se ne possono trovare diversi tipi anche resistenti al freddo e che quindi possono mantenere colore e soprattutto la giusta consistenza che voglia dire nutrimento costante.

Ci sono degli esemplari che si sposano perfettamente con le temperature rigide dell’inverno, e che sono molto belle come piante da appartamento.

Sempervivum

sempervivum come pianta grassa resistente al freddo

Indubbiamente non si può fare a meno di considerare tra i migliori cactus resistenti al freddo questa varietà. Si tratta di una delle migliori tra le Crassulacee ed è bene considerare che si tratta di alcune tra le più belle da un punto di vista estetico. Sono resistenti al freddo e questo è uno degli aspetti principali. Non si tratta di una tipologia facile da reperire ma può garantire delle buone soddisfazioni anche da un punto di vista decorativo.
Il Sempervivum è diffuso più o meno in tutto il mondo: basti pensare che non lo si trova solo in aree molto calde, ma anche in altre estremamente fredde come le Alpi. I terreni molto bagnati non fanno al caso suo, cresce molto meglio sulle rocce, per esempio. Meglio perciò climi freschi e serve un terriccio drenato a sufficienza. Questo tipo di pianta resiste molto bene anche alla neve.

Sedum

Tante sono le persone che sono alla ricerca di piante grasse con fiori da esterno da poter utilizzare per la propria casa. Bisogna ben conoscere le caratteristiche del genere Sedum, che può essere considerato realmente come un campione di rusticità tra le piante succulente.

Di questo tipo ci sono tantissime varietà, tali da riempire un giardino davvero molto grande. Ecco perché bisogna scegliere accuratamente quella che più si adatti alle proprie esigenze e ai propri gusti. Ci sono quelle che hanno un portamento a rosetta che somigliano tantissimo alle Crassulacee più classiche.

Sedum come piante grasse resistenti al freddo

Queste hanno sempre avuto un grande successo in termini di piante grasse da esterno. Inoltre il Sedum è anche cespuglioso e alquanto espanso, occupa perciò un discreto spazio. Questo tipo di pianta può vivere molto bene sia in piena terra che all’interno di un vaso. Il che depone a favore di tutte quelle persone che sono interessate alla coltivazione in un giardino o anche su un terrazzo.

Rendono molto bene anche come piante da muro a secco mantenendo costantemente il loro colore verde naturale. In generale, si parla di un tipo di pianta grassa che resiste estremamente bene agli stress idrici e anche alle temperature più rigide del periodo invernale.

Cereus

Ci sono senza dubbio diversi tipi di cactus resistenti al freddo che possono essere lasciati all’esterno anche in inverno. Tra questi si può parlare del Cereus, una delle tipologie più famose e che ad oggi ha un notevole successo. In particolare, per fare un esempio, tra i più venduti c’è il Cereus Peruvianus.

Un piccolo trucco da poter sfruttare è quello di partire con delle piante di dimensioni alquanto moderate: queste vanno fatte acclimatare anno dopo anno così che possano in un certo qual modo abituarsi a determinate condizioni climatiche. Queste piante, col passare del tempo, vanno sempre più esposte al freddo così da potersi abituare e imparare a resistere adattandosi.

cereus come pianta grassa resistente al freddo

Possono diventare piante grasse decisamente forti all’interno di terreni drenati, oltre a dover citare i necessari rinvasi periodici che permettono di mantenere in una condizione di salute ottimale soprattutto le radici. Sarà comunque impossibile non notare qualche traccia di bruciatura da collegare al freddo soprattutto nei periodi più freddi dell’anno dove possa abbondare il gelo nelle ore notturne.

Questi esemplari andrebbero posti preferibilmente in aree riparate, pur essendo all’esterno. Meglio ancora se vengono allestiti in prossimità delle barriere frangivento o anche dei pannelli costituiti da policarbonato che si possano rimuovere senza particolari problemi. Questo elemento può risultare cruciale per la salute della pianta in presenza di vento gelido che potrebbe destabilizzarla e addirittura spezzarla.

Echinopsis

In tema di piante grasse in inverno fuori, l’Echinopsis è sicuramente una delle migliori da prendere in considerazione. Questo tipo desidera molto la luce, per cui va bene che stia fuori anche durante la stagione invernale.

echinopsis come pianat grassa resistenti al freddo

Si tratta di una varietà resistente al freddo anche se è fondamentale prestare attenzione alla temperatura che non deve essere troppo rigida. Si può collocare all’interno di un vaso di terracotta e si effettua il rinvaso ogni 4 anni circa nel mese di marzo. Importante anche annaffiare regolarmente questa pianta che assorbe bene anche l’acqua piovana.

Ecco perché il suo terriccio deve essere sempre drenato in maniera corretta. Resiste molto bene anche alla neve.

Delosperma Cooperi

Parlando di piante grasse da esterno, si può fare riferimento alla Delosperma Cooperi. Questa può sopravvivere addirittura al di sotto dei -20 gradi! Resiste molto bene alla neve, anche se soffre alquanto i terreni saturi di acqua.

Delosperma Cooperi ottima come piante grasse resistenti all'inverno

Come ogni pianta grassa, anche in tal caso serve un terreno che deve essere drenato in maniera letteralmente perfetta. In tal modo si darà la possibilità di fornire la giusta quantità di nutrimento anche nei mesi più freddi dell’anno. Il terriccio di una pianta del genere deve prevedere sicuramente ghiaia e sabbia così che venga evitato il ristagno in superficie che non le fa bene.

Qualora non piova per un paio di volte al mese, il terreno va bagnato in profondità nuovamente e dovrà asciugarsi per poter procedere ad una nuova irrigazione. In caso di periodi di vento intenso, potrebbe essere necessario fornire una quantità d’acqua in periodi più brevi.

Qualche utile consiglio per le piante grasse resistenti al freddo

L’arrivo delle gelate notturne potrebbe mettere a repentaglio la salute di alcuni tipi di piante. Anche per quelle grasse occorre avere una certa cura, ancor di più se queste vengono conservate in spazi esterni.

Per evitare che l’arrivo dell’inverno possa diventare una minaccia troppo grande da gestire per chi è amante del pollice verde, è fondamentale prendere in considerazione alcuni consigli molto utili. Il gelo potrebbe diventare un serio pericolo per le piante che potrebbero anche rovinarsi in maniera evidente.

Bisogna prestare anche attenzione alla pioggia o comunque all’umidità: in questi casi il terreno potrebbe bagnarsi eccessivamente nell’arco della giornata e ghiacciarsi col calare delle temperature della notte. In tal caso rischiano seriamente di marcire. Diventa cruciale prendersene cura nel modo giusto e fare in modo che possano sopravvivere senza alcun problema.

Le piante grasse resistenti al freddo possono anche essere lasciate fuori e collocate in vasi che siano comunque esposti alla luce del sole e coperti qualora dovesse piovere in abbondanza o tirare particolarmente vento. Si potrebbe pensare di proteggerle con un telo di plastica che però non deve mai essere a diretto contatto con le foglie. L’umidità non va affatto bene per le piante grasse, ecco perché bisogna mantenere delle condizioni idonee per la crescita e il nutrimento delle stesse.

D’altronde non bisogna mai dimenticare che il grosso vantaggio delle piante grasse è che queste utilizzano i propri liquidi nella stagione più fredda: ecco perché si potrebbe notare una pianta dalle dimensioni più ridotte, per poi tornare nel pieno della forma con l’inizio della primavera.

Piante grasse resistenti al freddo come curarle

Diventa fondamentale proteggere le piante grasse nel periodo invernale, pur essendo alcune varietà di queste resistenti al freddo.
Tra i consigli migliori, vi è quello di applicare uno strato di pacciamatura sul terreno.

Questo agisce da isolante e permette così di trattenere il calore e soprattutto l’umidità a livellod del suolo. Senza dimenticare che lo strato di pacciamatura è fondamentale anche per il benessere delle radici che, con le temperature fredde, potrebbero danneggiarsi o comunque non garantire nutrimento a sufficienza alla pianta.

Il pacciame deve preferibilmente essere costituito da paglia e foglie secche, ma anche tessuto non tessuto e corteccia di pino.

Inoltre, è utile ricordare che le piante grasse vanno bagnate pochissimo nel loro periodo di riposo. Infatti l’acqua in alcune situazioni può diventare un problema. Il terreno delle piante grasse da esterno deve rimanere alquanto asciutto.

Meglio ancora perciò se in giorni di particolare pioggia, queste vengano spostate in zone più riparate o anche coperte con un telo di tessuto non tessuto.

Infine, proprio della copertura mediante un telo è bene parlare per il benessere delle piante grasse da esterno in inverno. Questo deve essere non solo idrorepellente, ma anche traspirante.

Si tratta a tutti gli effetti di una soluzione efficace e molto pratica così da permettere un riparo sicuro per le specie vegetali. Il tessuto non tessuto è uno dei materiali isolanti migliori anche in caso di neve. Le piante durante il giorno invece, soprattutto in giornate di sole, vanno esposte alla luce così da poterne beneficiare.

Lascia un commento