Callistemon: caratteristiche, coltivazione e raccolta

Il Callistemon è una pianta ornamentale conosciuta anche in gergo con il termine pianta scovolino o pianta degli spazzolini. Un arbusto sempreverde appartenente alla famiglia delle Mirtacee che può arrivare a raggiungere anche un’altezza di 3 metri. Le Mirtacee è una famiglia di piante angiosperme dicotiledoni legnose dell’ordine Myrtales. Il Callistemon è una pianta inconfondibile per via della sua caratteristica forma e per i suoi fiori di colore rosso intenso.

Caratteristiche del callistemon

Originaria dell’Australia, oggi si può ritrovare in tante altre zone del mondo. Si presenta con un robusto apparato radicale che le permette di essere ben salda al terreno. I fusti partono con un diametro considerevole che, andando verso l’alto, tende in maniera abbastanza vistosa ad assottigliarsi. Sono di tipologia semilegnosa e durante il periodo della fioritura a causa del peso dei fiori tendono a prostrarsi in avanti piegandosi meravigliosamente.

Le foglie sono piuttosto numerose e ricoprono tutti i rami con un colore tendente al rossiccio che si alterna al verde scuro. In pratica le foglie più giovani sono di colore verde, mentre le altre vanno verso il rosso. Sulla parte più alta dei rami durante il periodo della fioritura, si possono apprezzare delle particolari infiorescenze a forma di spiga che aprendosi danno vita a fiori dal colore rosso vermiglio che ricordano un po’ gli scovolini, da qui il suo nome.

L’estrema punta degli scovolini è solitamente in colore giallo e che si può apprezzare visionando da vicino la pianta. Tra le caratteristiche più importanti della parte più estrema di questa pianta, è che i fiori riescono ad attrarre non solo le api, ma molti altri insetti impollinatori come nel caso delle Osmer.

Come altre tipologie di piante, anche il Callistemon da vita in alcuni periodi dei frutti di forma capsulare che peraltro possono persistere sui rami anche per diversi anni. Il loro aspetto ricorda un po’ i classici alveari delle api con all’interno dei semi abbastanza scuri che hanno una buona capacità di germinazione. Solitamente i fiori compaiono sulla pianta nel periodo primavera-estate, per cui sarà proprio in questi mesi il momento opportuno per poterne apprezzare la bellezza e lo straordinario impatto offerto da colori forti e vivaci.

Coltivazione dell callistemon

Per coltivare nel migliore dei modi la pianta di Callistemon, è necessario soddisfare diverse sue esigenze peculiari che riguardano ovviamente l’esposizione solare, il terreno e tanto altro. Questa pianta è un arbusto perenne e abbastanza longevo che può offrire delle fioriture piuttosto abbondanti per cui necessita di una certa esposizione.

Dunque, per una corretta coltivazione, bisogna inserire la pianta in una zona esposta ai raggi solari oppure al massimo in una posizione di semiombra.

Nonostante questo, è in grado di sopportare efficacemente anche un clima meno temperato e temperature rigide dell’inverno.

L’unico aspetto che assolutamente deve essere soddisfatto, è quello di effettuare una coltivazione in una zona che sia al riparo dalle forte raffiche di vento che altrimenti comporterebbero danni irreversibili. Come accade per tante altre piante di natura ornamentale, anche il Callistemon deve essere preferibilmente coltivato in un terreno leggermente acido, umido e ben drenato.

Tutte caratteristiche che possono essere facilmente ottenute attraverso funzionali accorgimenti. Molto importante è anche l’innaffiatura che deve essere assicurata in maniera costante, soprattutto durante i periodi estivi e primaverili in quanto avviene la fioritura. In linea generale comunque la pianta può essere coltivata a dimora anche se facilmente si accontenta anche delle acque piovane. Insomma, è in grado di resistere a periodi di siccità purché non avvengano durante giornate eccessivamente calde.

Se invece la pianta si trova all’interno di un vaso, allora l’irrigazione va effettuata con maggiore frequenza stando ben accorti di non avere un terreno completamente asciutto.

Per quanto riguarda la concimazione, questa deve essere posta nel periodo primaverile in quanto è proprio durante questi giorni che riprende il suo ciclo vegetativo. In questa fase la concimazione deve essere caratterizzata da una tipologia di concime ricca di azoto e potassio. Il concime deve essere somministrato almeno ogni 20 giorni preferibilmente in forma liquida.

In pratica, si può diluire il concime in un certo quantitativo di acqua e somministrarlo attraverso innaffiatura. Se invece si vuole concimare utilizzando la tipologia granulare a lento rilascio, allora l’intervento va eseguito ogni 40 giorni. Importante tenere ben a mente che, durante il periodo autunnale ed invernale, le concimazioni devono essere assolutamente sospese altrimenti si ottiene un effetto controproducente.

Ogni due anni, inoltre ed in particolar modo durante la primavera, bisogna trasferire il Callistemon coltivato in vaso in un contenitore più grande. Bisognerà utilizzare nuovo terriccio misto a sabbia ed evitare che le radici vengano a contatto diretto con l’acqua di sgrondo delle annaffiature. Questo obiettivo lo si può raggiungere avendo l’accortezza di posizionare sul fondo del vaso un materiale drenante anche sotto forma di piccole pietre facilmente reperibili.

È molto importante anche compattare nel nuovo vaso il terreno e procedere immediatamente con una bella annaffiata. Come altre piante anche il Callistemon deve essere sottoposto a potatura dopo la fioritura.

Bisogna tagliare i rami più interni e quelli troppo lunghi in maniera tale da compattare tutta la pianta. Naturalmente in questa fase bisognerà tagliare in maniera netta i rami secchi fruendo di cesoie ben affilate e disinfettate anche con l’utilizzo di una semplice fiamma.

Moltiplicazione

Ci sono delle semplici tecniche che ti permettono di moltiplicare la pianta di Callistemon. Infatti, si può far riprodurre la pianta in modo da averne sempre nuovi esemplari da utilizzare per qualsiasi scopo come ad esempio quello di ornare con gusto ed eleganza tutti gli ambienti della propria abitazione oppure gli spazi esterni.

La moltiplicazione avviene semplicemente per seme. Come evidenziato in precedenza, i semi si trovano all’interno di quelle capsule legnose inserite sulla parte più esterna dei fiori. Dovrai togliere i semi dal tuo Callistemon anche se difficilmente li troverai schiusi. Dopo aver raccolto le capsule, bisognerà farle riposare in un luogo al caldo per qualche giorno in maniera tale da incentivare il fenomeno naturale della schiusura.

Con un pizzico di pazienza, infatti, si potrà ottenere un importante quantitativo di semi utile per la moltiplicazione. In alternativa, si può sfruttare il momento della potatura per poter trovare le capsule e quindi i semi da utilizzare per una nuova semina e quindi per la moltiplicazione. In alternativa si può effettuare la moltiplicazione con il metodo di propagazione per talea.

Si tratta di un metodo certamente più complesso, ma che comunque permette di ottenere risultati davvero considerevoli. Il metodo va effettuato durante il periodo estivo utilizzando rami semi legnosi. In pratica bisogna utilizzare una forbice ben affilata per prelevare delle parti di rami semi legnoso di una lunghezza che può oscillare da un minimo di 8 fino ad un massimo di 10 cm.

Questi rametti vanno messi a radicare in un miscuglio di torba e sabbia possibilmente ad una temperatura intorno ai 18 19 gradi. L’importante è che il terriccio utilizzato non venga posizionato in un luogo dove ci sia un esposizione diretta ai raggi solari.

Altra esigenza molto importante affinché la situazione possa aver luogo, è che il terriccio debba essere costantemente mantenuto umido con costanti annaffiature senza tuttavia esagerare.

Quando si potranno apprezzare la comparsa di nuove foglie, vorrà dire che è arrivato il momento di trasferirle in vasi singoli con tanto di messa a dimora.

Da questo punto in poi la pianta dovrà essere coltivata seguendo tutti i procedimenti e le raccomandazioni che abbiamo evidenziato nel precedente paragrafo. Solitamente si potrà ottenere così una pianta particolarmente attraente dal punto di vista estetico e che ricalchi in maniera similare le caratteristiche della cosiddetta pianta madre. Inoltre, c’è da attendersi una fioritura già nell’anno successivo al procedimento di moltiplicazione.

Acquista Callistemon online

Planeta dispone di una svariata quantità di Callistemon. Ottime piante per giardini di grandi dimensioni, se si vuole dare un tocco verde alla propria dimora. Contattaci per scoprire tutte le nostre piante di grandi dimensioni, e ottenere un preventivo per il trasporto e l’inserimento della pianta o albero specifico nel tuo giardino.

Immagini deli nostri grandi alberi Callistemon

Lascia un commento