Robot piscina: cos’è, a cosa serve e modelli migliori robot per piscina

Con l’estate alle porte, si è un po’ sotto pressione per mantenere la piscina con i migliori standard di pulizia. Fortunatamente, ci sono dei pulitori robotici per piscine di ultima generazione che offrono risultati davvero brillanti.

Robot pulisci piscina: perché utilizzarlo?

I robot pulisci piscina sono tra l’altro efficienti, ed offrono il vantaggio di pulire la struttura in modo veramente molto rapido.

Il robot pulitore vanta inoltre una tecnologia informatica avanzata che mappa la superficie della piscina, in modo da non doversi preoccupare che rimanga bloccato in un angolo.

Quali sono le tipologie di robot per piscina?

Quando si deve scegliere un robot pulisci piscina la scelta è molto ampia ed è subordinata alle sue caratteristiche strutturali.

Premesso ciò, è importante sapere che ci sono 4 robot pulisci piscine:

– Robot piscina elettrico

il robot elettrico lavora autonomamente e funziona tramite cavo da collegare alla fonte energetica. Di solito sono programmabili e alcuni si possono anche telecomandare. Infine va aggiunto che i dispositivi di fascia più alta dispongono di serie di tre motori che interagiscono tra loro in base a funzionalità specifiche e programmi di pulizia.

– Robottino piscina a pressione

I robottini per piscina a pressione vengono così definiti poiché utilizzano la stessa pompa di filtrazione della struttura come fonte di energia per eseguire la pulizia, e con una pressione efficace e soprattutto accurata. Questi pulitori funzionano con un compressore, e sono dotati di serie di un filtro a sacco ideale per raccogliere i vari detriti evitando che ostruiscano il pre-filtro della pompa della piscina.

– Robot piscina idraulico

ll robot idraulico viene così definito in quanto utilizza la forza idraulica che viene generata dall’impianto di filtrazione della piscina per rimuovere sporco e detriti in lungo e in largo. Il robot idraulico funziona autonomamente e in modo affidabile.

– Robot piscina senza fili a batteria

Robot senza filiPer chi non ha una fonte di alimentazione a portata di mano, optare per un robot piscina senza fili a batteria a litio è l’ideale, poiché l’apparecchio può autonomamente lavorare sott’acqua e rimuovere efficacemente sporco, ghiaia e altri tipi di detriti.

La batteria tra l’altro è di tipo ricaricabile e molto potente, in grado quindi di svolgere il suo lavoro senza l’ausilio di cavi elettrici.

Differenza tra robot piscina fuori terra e piscina interrata

Piscina interrataLa piscina interrata a differenza di una del tipo fuori terra è una struttura permanente.

Essa, infatti, si trova nel centro del vostro giardino solitamente ed è un bene avere tante belle idee per il giardino così da inserirla in un contesto più bello.

I vantaggi in questo caso sono molteplici; infatti, in qualsiasi momento può essere trasportata da un terreno ad un altro, e persino smontarla nel periodo invernale e magari rimontarla poi in una zona al coperto.

Indipendentemente da scelte o esigenze personali, va altresì aggiunto che i robot pulisci piscina sono disponibili sia per i modelli interrati che fuori terra e le differenze sostanziali non sono molte.

Scegliere il migliore robot per la piscina in base a:

– Dimensioni della piscina

Quando si deve scegliere un robot per la piscina valutare la dimensione della struttura è importante; infatti, se ad esempio si opta per un modello a batteria, bisogna considerare che quest’ultima quando si scarica ritorna sulla base di ricarica.

In tal caso un robot diverso magari alimentato con cavo può considerarsi una scelta migliore per un lavoro continuato e portato a buon in un determinato lasso di tempo.

– Forma piscina: regolare o irregolare

La scelta di un robot per la pulizia deve essere oculata anche quando la struttura si presenta di forma regolare o irregolare.

Nel primo caso, l’ideale è un apparecchio elettrico con un cavo, in quanto non ci sono intoppi o sporgenze tali da interromperne la corsa.

Viceversa per le piscine di forma irregolare un robot a batteria è consigliato, poiché essendo dotato di intelligenza artificiale riesce ad evitare autonomamente ostacoli di ogni genere.

– Fondale della piscina

FondaleUn’altra considerazione da fare quando si deve scegliere un robot pulisci piscina è legata al fondale della struttura; infatti, se è di forma regolare e liscia, un modello a batteria è sufficiente per portare a buon fine il lavoro.

Viceversa se ci sono ad esempio bocchette di aspirazione o rivestimenti a rilievo quello elettrico, a pressione o idraulico può considerarsi la scelta migliore per evitare intoppi. Bisogna anche ricordare che la scelta di un robot dipende da altri fattori:

– il materiale del rivestimento della piscina

Può essere in pvc o piastrellato e quindi liscio o a rilievo.

In quest’ultimo caso, un robot in grado di evitare ostacoli è una buona opzione di scelta per garantire un lavoro di pulizia ideale.

– Le prestazioni del robot piscina

Un programma di scansione intelligente di un robot piscina è fondamentale in questo apparecchio, poiché è in grado di assicurare una totale copertura della superficie della struttura indipendentemente dalla sua dimensione, forma o tipologia.

– La capacità di pulizia fondo e pareti

Il sistema di spazzolamento è importante per un robot pulisci piscina.

Infatti, deve garantire l’eliminazione di detriti e batteri dal fondo.

– L’abilità di pulizia della linea di galleggiamento

La linea di galleggiamento della piscina è uno dei punti più esposti allo sporco generato spesso da sostanze grasse e dal calcare presente nell’acqua.

Dunque, è indispensabile riuscire a pulire correttamente questa zona.

– La velocità di deambulazione di un robot per piscina

Per la pulizia di una piscina è fondamentale che un robot abbia una potenza tale da garantirgli una buona velocità di deambulazione.

Se, infatti, la struttura è molto grande e profonda è indispensabile un apparecchio con una potenza superiore rispetto ad altri modelli per portar a buon fine il lavoro.

La velocità di deambulazione di un robot pulisci piscina viene misurata in metri al minuto e può andare da 6 m/min fino a 15 m/min.

– Il volume di filtrazione

Una caratteristica del robot pulisci piscina che è strettamente correlata alla sua velocità di deambulazione è il cosiddetto volume di filtrazione, ovvero il quantitativo di acqua che riesce a filtrare in un’ora.

Il volume di filtrazione viene espresso in metri cubi all’ora, e quanto più elevato tanto più rapidamente il robot sarà in grado di effettuare il suo lavoro.

Come scegliere il robot pulisci piscina in base alle sue funzioni:

Ogni robot pulisci piscina presenta diverse funzioni che possono essere più o meno utili, dunque è basilare scegliere con cura il dispositivo più adatto.

– Cicli di pulizia e durata

Una caratteristica comune a quasi tutti i modelli di robot pulisci piscina è la presenza di almeno due cicli di pulizia. In genere i cicli di pulizia sono solamente due.

– Percorso e mappatura

Il percorso che un robot pulisci piscina segue durante la sua fase di lavorazione è importante affinché l’operazione vada a buon fine e con la massima precisione.

A tale proposito, i modelli elettrici di fascia alta sono gli unici che possono regalare il top delle prestazioni poiché vantano la mappatura, ovvero l’ottenimento di una pulizia che rasenti il massimo della perfezione.

– Manutenzione di un robot per piscina

Un robot per la pulizia delle piscine è molto duraturo, anche se è importante attenersi ad alcune fondamentali operazioni di manutenzione dopo l’uso.

Asciugatura, lubrificazione e un corretto avvolgimento dei cavi, sono alcuni esempi delle accortezze che mantengono integre le funzionalità.

– La pulizia regolare dei filtri

Quando si deve scegliere un robot pulisci piscina è importante sapere che non tutti i modelli vantano un filtro; infatti, per fare alcuni esempi quelli idraulici convogliano i detriti direttamente verso la pompa di filtraggio della struttura. Da ciò si evince che è meglio optare per un modello elettrico che invece è dotato di un filtro a cassetta intercambiabile.

– Parcheggio

Il robot pulisci piscina può rimanere senza problemi sia in immersione che parcheggiato sul bordo della piscina. Tuttavia, è preferibile quando non viene utilizzato asciugarlo e magari riporlo nella sua custodia o nel deposito attrezzi del giardino.

Ma quali sono le migliori marche dei robot per piscina?

Ecco qua una vasta gamma di scelta utile per voi.

– Robot idraulico per piscine Kontiki 2 di Zodiac

ZodiacIl robot Zodiac Kontiki 2 di tipo idraulico è sicuramente uno dei migliori del brand, poiché è adatto per l’uso in piscine fuori terra di qualsiasi forma ed è in grado di pulire a fondo rivestimenti in piastrelle, poliestere, pcv o cemento.

– Robot idraulico per piscina Zodiac MX8

Il robot idraulico Zodiac MX8 consente di pulire accuratamente piscine interrate o fuori terra di qualunque forma purché abbiano una superficie non superiore ai 12x6m.

Tuttavia, si tratta di un modello ideale per rivestimenti come piastrelle, poliestere e pvc.

– Robot per piscina Zodiac MX9

Il robot per piscina Zodiac MX9 è stato realizzato per qualsiasi tipo di pulizia di questi contesti. Da ciò si evince che è adatto sia per vasche interrate che per quelle fuori terra e di qualsiasi forma.

Il robot infatti si muove tranquillamente in piscine con una dimensione di metri 12×6.

– Robot piscina economici Intex

IntexIl robot pulisci piscine Intex 28001 pur essendo di tipo economico svolge il suo lavoro con la massima efficienza.

Nello specifico si tratta di un modello automatico ideale sia per piscina fuori terra che interrata; inoltre, è facile da installare anche se è utilizzabile solo per piscine Intex.

– Intex 28001 Pulitore automatico per piscine fuoriterra

Il modello Intex 28001 è disponibile anche a forma di automobile ed è prodotto dall’omonimo brand che permette di pulire automaticamente una piscina, e grazie alla potenza della sua pompa filtro che reinserisce l’acqua nella struttura dopo averla depurata. L’apparecchio va collegato al tubo di uscita della pompa e funziona con quelle da 7.570 l/h fino a 15.140 l/h

– Robot pulitore Intex 28001 automatico

Il pulitore automatico identificato con la sigla Intex 28001 è a batteria e lavora in massima sicurezza nella piscina sfruttando la forza della pompa, che gli consente di raccogliere dal fondo qualsiasi tipo di sporco tramite un tubo da sei metri.

Infine va sottolineato che funziona solo con pompe aventi un flusso di aspirazione da 6.056 l / a 13.248 l / h

– Robot Dolphin Master by Maytronics by M4

Il Robot piscina Dolphin Master M4 della Maytronics è un modello leggero e molto maneggevole, ideale per pulire efficacemente una piscina interrata di 12 metri e con un ciclo di pulizia di 3 ore

– Robot Dolphin Master by Maytronics M5

Il Robot Dolphin Master M5 anch’esso della Maytronics è pressoché simile a quello identificato con l’acronimo di M4.

Tuttavia, a livello di performance è superiore e innovativo.

– Robot Dolphin Master by Master by Sprite C

Il Robot Dolphin Maytronics Sprite C è considerato una delle migliori scelte tra i vari modelli del brand; infatti, è composto di un motore innovativo che gli consente di portare a termine il ciclo di pulizia a partire della linea di galleggiamento fino al fondo sulle pareti in appena 3 ore.

Lascia un commento