Progettazione di aiuole per il giardino: ecco come fare

Giardinaggio e progettazione di aiuole per il giardino: ecco come fare

Come fare giardinaggio e progettare aiuole per il proprio giardino

Quando si parla di giardinaggio e di progettazione giardini si fa riferimento ad un numero di attività, di accorgimenti, di abbellimenti che possono riguardare il giardino in ogni suo aspetto. Senza dubbio uno degli elementi più famosi sono le aiuole, che possono essere davvero di qualsiasi tipo, dimensione e contenere all’interno alberi, cespugli o fiori. Qualunque si la vostra idea, le aiuole creano davvero un senso di ordine ed organizzazione all’interno di qualsiasi giardino.

Quanto deve essere grande un’aiuola?

Innanzitutto occorre definire quali sono le dimensioni della aiuola che abbiamo intenzione di realizzare. Per fare ciò bisogna delineare i bordi in maniera precisa. Questa operazione può essere fatta con l’aiuto di pietre o delle classiche bordature per aiuole, ossia mini staccionate di plastica, di legno o di ferro. Una volta definita l’area su cui occorre lavorare, è possibile scatenare la fantasia. Se la vostra intenzione è quella di creare un aiuola fiorita, occorre che siate ben informati sulle caratteristiche del terreno, perché solo in questo modo potrete scegliere i fiori che si adattano meglio. Altre informazioni assolutamente necessarie sono quelle relative alla resistenza dei fiori in relazione al tipo di clima che caratterizza la zona e non bisogna trascurare mai l’importanza relativa all’esposizione. Quando si tratta di fiori è sempre meglio scegliere una zona ombreggiata e che comunque non preveda un’esposizione ai raggi solari superiore alle 5/6 ore al giorno. É chiaro che esistono piante e fiori che non hanno problemi a subire l’esposizione ai raggi solari anche per 12 ore (in estate), ci riferiamo alle piante grasse o agli arbusti, tuttavia per la grande maggioranza dei fiori, consigliamo un esposizione meno intensiva.

Che tipo di fiori scelgo?

La scelta relativa ai fiori, oltre a tenere conto di tutti gli elementi elencati sopra, deve rispondere ad un’altra importante domanda: voglio che nella mia aiuola ci siano fiori stagionali o che rifioriscono l’anno successivo? Si, perché la vera grande distinzione è proprio questa. Se non vi piace l’idea di vedere ogni anno sempre gli stessi fiori, potete optare per i cosiddetti fiori stagionali. Ne esistono di diverse tipologie e di diverse stagioni, per tanto potete avere un aiuola con ciclamini nella stagione autunnale oppure con i girasoli nel periodo estivo. Al termine della stagione dovrete risistemare l’aiuola d’accapo perché le piante non rifioriranno nuovamente. Se al contrario preferite non dover risistemare l’aiuola ogni anno, o almeno non risistemarla completamente, potete optare per piante annuali. Questo tipo di piante abbelliscono l’aiuola nel periodo di massima fioritura, si riposano nel periodo in cui non fioriscono, per poi tornare a germogliare e sbocciare l’anno successivo. In quest’ultimo caso la vostra scelta potrà riguardare sia le piante che perdono le foglie sia le sempreverdi, che conservano le foglie anche nel periodo successivo alla fioritura (es. azalea e ortensia). Potete anche optare per i fiori appartenenti alla categoria delle bulbose (es. tulipani, giacinti, narcisi, calle), ma in tal caso informatevi su quali sono i bulbi che possono essere lasciati sotto terra per tutto l’anno, in modo da evitare errori che potrebbero non far rifiorire la pianta l’anno successivo.

Come sistemare i fiori e le piante nell’aiuola

Quando si progetta un aiuola, non bisogna dimenticare di rispettare la distanza necessaria per far crescere bene le varie piante. Le informazioni relative alla distanza a cui vanno poste le varie piante, potete ottenerle chiedendo al vivaista di fiducia. Altrimenti potete trovarle facilmente sul web. Dove troverete anche informazioni relative al periodo in cui le piante fioriscono, alla concimazione di cui necessitano, alla distanza da rispettare per farle crescere bene, alle eventuali potature e innaffiature e molto altro ancora. Sopratutto non dimenticate di informarvi su un aspetto fondamentale: non tutte le piante possono stare vicine. Questo perché spesso assorbono le stesse sostanze dal suolo, pauperizzandolo così che non ci sarà più abbastanza nutrimento. Ma non temente, se non volete rinunciare a mettere le vostre due piante preferite vicine, informatevi su quale tipo di concime serve e con quale frequenza va arricchito il terreno.

Per pubblicare un commento, devi accedere

Planeta nel mondo

Catania

Contrada Primosole S.S.194

+393351370126

roma-sede-planeta

Bucharest

Street Gen. Berthelot, 27

+40722151300

roma-sede-planeta

Sao Paulo

Rua P.O. Carvalho de Barros, 65

5511993366050

roma-sede-planeta

Los Angeles

6419 Orange Street

+13108668553

roma-sede-planeta

Miami

244 Biscayne BLVD, Suite 3302

+13058421706

roma-sede-planeta

Kuwait City

Coming soon

Coming soon

roma-sede-planeta
Whatsapp